I banchetti delle Muse

banchetto simona massimo

Donazioni

Donazioni

Veterinari in collaborazione con Le Muse

Elenco Veterinari

Facebook

Pagina Facebook

Newsletter

Iscriviti alla nostra NewsLetter per essere aggiornato sempre sulle nostre iniziative.
Privacy e Termini di Utilizzo
Pulci e Zecche PDF Stampa E-mail

zecca
Le  pulci  e  le zecche
sono gli ectoparassiti (parassiti che si trovano cioè sulla superficie corporea) di più frequente riscontro nei nostri animali.

zecca  pulceschi 

PULCI E ZECCHE

Le  pulci  e  le zecche sono gli ectoparassiti (parassiti che si trovano cioè sulla superficie corporea) di più frequente riscontro nei nostri animali.
La pulce conduce solo una parte del suo ciclo vitale  sul cane e l’infestazione avviene non per contatto diretto con altri cani infestati ma dalla 
frequentazione di ambienti contaminati. Ne consegue che per un efficace controllo di questo parassita non sono sufficienti trattamenti mirati all’uccisione dell’insetto adulto (e tantomeno lavaggi frequenti), ma sono necessari trattamenti ripetuti ciclicamente e costantemente che abbiano azione abbattente sul parassita adulto, repellente sulle forme larvali e di bonifica ambientale. Trattamenti che devono essere effettuati su tutti i soggetti che convivono o condividono spazi comuni: in particolar modo la casa che per le condizioni di temperatura consente lo sviluppo del parassita 12 mesi all’anno, indipendentemente dalla pulizia. Un cane e una casa con problemi di pulci non significano necessariamente sporcizia.
I problemi clinici legati alla presenza delle pulci sono per lo più di carattere dermatologico e sono di norma associati a prurito ma la stessa pulce può
fungere da ospite intermedio per altri parassiti .
Anche per quanto concerne le zecche è necessario ricordare che l’infestazione viene contratta attraverso la frequentazione di ambienti popolati da
forme larvali o ninfali. In questi casi si parla esclusivamente di ambienti esterni quali campi, boschi, giardini ma anche cortili. Le uova deposte dalla zecca rimangono vitali per lunghissimi periodi di tempo e un ambiente, una volta infestato, tende a rimanere tale per anni.
I problemi clinici legati alla presenza di questo parassita nel nostro paese sono legati alla trasmissione da parte della zecca durante il pasto di sangue
di altri parassiti o agenti infettivi, trasmissione che avviene di norma non prima di 48 ore dalla presenza del parassita sul nostro cane. Ne consegue che una accurata ispezione giornaliera (in particolare nelle regioni della testa e del collo) riduce notevolmente il rischio di contrarre tali patologie. Le zecche non determinano prurito nei cani che sono infestati, pertanto se nei periodi primaverili e autunnali i nostri amici non vengono controllati adeguatamente possono contrarre (apparentemente senza alcun disturbo) infestazioni così gravi (da migliaia e migliaia di zecche) da determinarne la morte per un vero e proprio fenomeno di dissanguamento.